Il gioco e le motivazioni di razza

gioco e motivazioni di razza
Il gioco e le motivazioni di razza: vi siete mai chiesti qual è il gioco che gratifica di più il vostro cane e che soddisfa le sue inclinazioni naturali? Esistono dei giochi che i cani non vedono l’ora di iniziare perché in accordo con quello che desiderano fare naturalmente; i cani hanno veri e propri desideri che attendono di essere tradotti in azioni vere e proprie.

Articolo di Sara Peri

La motivazione

Il termine “motivazione” è stato introdotto in cinofilia con delle straordinarie applicazioni pratiche.
Con la parola “motivazione”, si indica cosa il cane cerca nel mondo; i suoi interessi e le tendenze ad esprimere determinati comportamenti. La motivazione rappresenta una necessità che ha impellenza di essere soddisfatta; se non trova sfogo crea frustrazione, mentre se assolta dà un forte senso di appagamento e felicità.
Il cane possiede un repertorio di motivazioni che è tipico del suo etogramma, cioè della sua specie. Questo gli garantisce la sopravvivenza e lo identifica nel nostro ecosistema come predatore sociale e collaborativo. Tutti i cani esprimono le motivazioni caratteristiche della specie, ma è l’intensità d’espressione e la frequenza che cambiano da razza a razza e in relazione all’esperienza del soggetto.
Addestrare un cane con il gioco secondo le proprie motivazioni di razza potrà darci enormi soddisfazioni.

Tra le motivazioni più conosciute ci sono la predatoria, territoriale, possessiva, competitiva ecc. Solo per citarne alcune. Se gestite scorrettamente, possono portare a dei problemi di convivenza. Infatti, non tutte le motivazioni del cane si accordano con il nostro “bon ton” umano ed alcune sono decisamente inopportune.
Il nostro compito è quello di conoscere e sperimentare quali sono le motivazioni del nostro cane; in seguito quello di lavorare sulle motivazioni in modo da favorire certi comportamenti, piuttosto che altri, e dare così espressione al talento.
Quando una motivazione è forte occorre darle una competenza espressiva e disciplinarla; diventerà una dote e non un problema.

gioco e motivazioni di razza

Il gioco come risorsa

Un tempo chi prendeva un cane di una certa razza lo faceva per dedicarlo ad una specifica attività (es. cane da guardia, da pastore, da caccia ecc…); questo già comportava il disciplinare la motivazione. Oggi le persone adottano un cane più per esigenze affettive e relazionali e lasciano spesso che le vocazioni di razza si esprimano in maniera incontrollata. Ecco che il gioco diventa motivazione e una risorsa di gran valore nel quotidiano. Il gioco consente l’espressione della motivazione, in modo che diventi un’opportunità educativa.

Ma come si fa allora a giocare incanalando una motivazione?
Bisogna disciplinare il gioco, dargli delle regole, definendo:

  • Un target, ossia l’oggetto verso il quale sarà rivolta la motivazione (ad esempio la pallina o la corda);
  • Dei rituali di inizio e fine del gioco in modo da dare dei confini chiari all’azione;
  • Il contesto, in termini di luogo, in modo che sia coerente e sostenibile per quell’attività;
  • Delle regole precise di gioco che ci garantiscano un range di prevedibilità del comportamento.

In questo modo, molti giochi diventano dei preziosi passatempi che consentono al cane di scaricare le tensioni e lo stress; lo gratificano e rafforzano il legame con il proprietario.
L’addestramento del cane secondo queste semplici regole sarà ottimizzato ed efficace

gioco e motivazioni di razza

Appagare le motivazioni di razza col gioco

Tenendo conto di quanto detto prima, possiamo essere sicuri di appagare la motivazione possessiva e competitiva di un molossoide se gli proporrò un gioco di tira e molla. Al contrario, sarà un totale fallimento, se lo stesso gioco lo propongo ad un cane da ferma in caccia, come il Pointer.
Tuttavia è sempre bene non cadere in generalizzazioni. Bisogna imparare a conoscere il proprio cane sperimentando diverse tipologie di gioco e trovare quello che lo appaga maggiormente. Questo perché al di là delle motivazioni di razza, esiste anche un aspetto caratteriale del tutto individuale e appartenente a quell’unico soggetto.

Diversi tipi di motivazioni nel gioco

Possiamo altresì partire da una motivazione, come quella predatoria e cinestetica nel caso della pallina, e utilizzarla per ampliare lo spazio di gioco. Ad esempio, facendomi riportare la pallina darò spazio anche alla motivazione collaborativa e sillegica (prendere in bocca); nascondendo la pallina posso inserire un’attività di ricerca e dare spazio alla motivazione esplorativa e perlustrativa; posso insegnare il nome di luoghi precisi dove mettere la pallina per poi chiedere al cane di andare a prenderla, inserendo un gioco di memoria. E’ indispensabile aiutare i proprietari a strutturare le attività di gioco e interazione. Questo evita le derive ossessive e fa sbocciare il talento naturale del loro cane.
Addestrare il cane significa anche giocare con lui.

gioco e motivazioni di razza

In questo modo il gioco si carica di altri significati coniugando realtà e finzione. Diventa un valore alla relazione; un filo invisibile che lega uomo e cane in una situazione in cui due specie diverse si divertono insieme, apprendono, collaborano e si gratificano.

Articolo di Sara Peri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Read More

La prima lezione di addestramento con il mio cane

Certo questo è un argomento che si può affrontare alla prima lezione e l’educatore potrà fare degli esempi e dare un metodo ma quello che è importante capire è che è una nostra esigenza e non del cane. La condotta a guinzaglio, pur rientrando nelle attività più normali di qualunque proprietario, non è certo una delle esigenze primarie del cane e soprattutto va gestita per gradi per non creare traumi inutili. Bisognerà quindi dare priorità ad altre attività quali per esempio il gioco che ci aiuta a relazionarci con il nostro amico a quattro zampe. Partendo da presupposti relazionali qualunque attività di educazione diventerà più piacevole.
Read More