Cucciolo o cane adulto, qual è la scelta migliore?

La risposta a questa domanda sembra ovvia quanto banale, quando si ha voglia di acquistare o adottare un cane lo si fa nella maggior parte dei casi per un bisogno affettivo e di conseguenza si tende a valutare tutto a livello emotivo.

Tutto questo è normale. Il desiderio si focalizza sulle cose belle o addirittura irresistibili di questa esperienza che stiamo per intraprendere: la dolcezza del cucciolo, i momenti di gioco, le passeggiate assieme, il calore e l’affetto con cui il nostro amico ci accoglierà ogni volta che torneremo a casa, la bellezza di alcune razze particolarmente accattivanti che ormai sono diventate uno status symbol. Ancor più se siamo degli sportivi che fanno jogging. Ci immagineremo non più soli ma sempre in compagnia del nostro fido durante gli allenamenti, ancora di più se vogliamo cimentarci negli sport cinofili maggiormente in voga come per esempio Agility Dog, Canicross, Bikejoring, solo per nominarne alcuni.

Bisogna tener conto però dell’enorme impegno che richiede la vita con un cane. Se scegliamo un cucciolo l’impegno sarà di certo maggiore. Lo svezzamento di un cucciolo di cane è una cosa seria, non solo per quanto riguarda l’aspetto pratico, alimentazione, cure, bisogni ecc. ma soprattutto per quanto riguarda la parte emotiva e l’imprinting.

Cerchiamo di capire quali sono le cose da tenere in considerazione se la nostra scelta sarà verso un cucciolo o verso un cane adulto.

Tutti i cani nascono in linea di massima orfani di padre. Generalmente il maschio non viene mai lasciato a contatto con i cuccioli. Il padre è una figura importantissima nella crescita e nell’educazione dei cuccioli, soprattutto per quanto riguarda la socializzazione futura: cuccioli che avranno imparato a gestire rapporti con il padre saranno più facilitati nel rapporto con altri cani e più equilibrati con l’uomo. Se scegliamo un cucciolo sarebbe bene accertarsi che abbia potuto vivere almeno parte della propria infanzia con entrambi i genitori.

Per legge l’età nella quale si può separare un cucciolo dalla madre è stata fissata a 60 giorni. In verità i 60 giorni non definiscono la fine delle cure parentali, di cui il cucciolo ha ancora bisogno, sia in termini affettivi che di apprendimento. 

Qualsiasi cucciolo ha bisogno di molte cure e di molto tempo rispetto ad un adulto. Un cucciolo dovrebbe poter stare con i genitori e fratelli fino all’età di 8-10 mesi circa. Il paragone è chiaro: prendere un cucciolo di 2 mesi è come sottrarre un bambino di 2 anni alla famiglia, prenderne uno di 8-10 mesi è come portare a casa un adolescente, che ha tutte le capacità per sopportare un distacco anche lungo dalla famiglia originaria. Con una serie di vantaggi non indifferenti: la possibilità di somministrare al cane una dieta da adulto con 2 soli pasti al giorno anziché 5 o 6, la sicurezza che il cane avrà imparato a sporcare fuori casa, la possibilità di muoversi in autonomia come se avessimo un cane adulto, la tranquillità di avere un animale che abbia avuto un’infanzia felice e di conseguenza non abbia sviluppato ansie da carenze affettive.

Il tutto, naturalmente, è possibile se il cucciolo viene ceduto da un allevatore responsabile, che si prende l’onere di garantire al cane una tranquilla vita in famiglia, con mamma, papà e fratelli. 

Un ottimo compromesso potrebbe essere un cucciolone di 4 o 5 mesi di vita.

Esiste anche la possibilità di adottare un cane in canile: scegliendo un cane adulto c’è il vantaggio di poter verificare con certezza la salute e il carattere dell’animale, senza avere in seguito brutte sorprese.

La scelta del cane in canile, oltre ad essere una scelta etica, è economica. In canile si possono trovare degli ottimi cani da compagnia e da lavoro. Con le moderne tecniche di addestramento cani e veterinarie non è difficile capire le attitudini e la salute di un soggetto adulto.

In qualsiasi caso soprattutto per chi si affaccia alla prima esperienza con un cane, che si tratti di un cucciolo o di un cane adulto ci sono alcuni consigli che valgono per entrambi i casi:

  • Accertiamoci di adottare o acquistare un soggetto sano;
  • Valutiamo il tempo che potremmo dedicare al nostro nuovo amico, dovrà essere sufficiente alle sue esigenze;
  • Adottare un soggetto anziano, problematico o in difficoltà è sicuramente una scelta che fa onore ma dobbiamo essere comunque sicuri di poterci sobbarcare di tutto quello che questa scelta comporta;
  • Se si tratta di una razza informiamoci sulle sue peculiarità;
  • Se si tratta di un cane adulto, se possibile, informiamoci sulla sua storia;
  • Se non siamo cinofili esperti prendiamo contatto con un educatore cinofilo che si occupi di addestramento cani prima di procedere all’acquisto o all’adozione.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
gioco e motivazioni di razza
Read More

Il gioco e le motivazioni di razza

Il gioco e le motivazioni di razza: vi siete mai chiesti qual è il gioco che gratifica di più il vostro cane e che soddisfa le sue inclinazioni naturali? Esistono dei giochi che i cani non vedono l’ora di iniziare perché in accordo con quello che desiderano fare naturalmente; i cani hanno veri e propri desideri che attendono di essere tradotti in azioni vere e proprie.
Read More
Read More

La prima lezione di addestramento con il mio cane

Certo questo è un argomento che si può affrontare alla prima lezione e l’educatore potrà fare degli esempi e dare un metodo ma quello che è importante capire è che è una nostra esigenza e non del cane. La condotta a guinzaglio, pur rientrando nelle attività più normali di qualunque proprietario, non è certo una delle esigenze primarie del cane e soprattutto va gestita per gradi per non creare traumi inutili. Bisognerà quindi dare priorità ad altre attività quali per esempio il gioco che ci aiuta a relazionarci con il nostro amico a quattro zampe. Partendo da presupposti relazionali qualunque attività di educazione diventerà più piacevole.
Read More
Read More

Giocare con il cane: il tira e molla

Il gioco del tira e molla è un collante molto efficace per la relazione con il vostro cane, tuttavia ha sofferto di una reputazione contrastante nella storia della cinofilia. Ancora oggi si sente spesso chiedere dai proprietari preoccupati se giocare al tira e molla stimoli l’aggressività e la possessività del cane e sia quindi un’attività in grado di fomentare comportamenti conflittuali. In realtà se strutturato in maniera intelligente all’interno del programma di addestramento del vostro cane, è un ottimo modo per creare un rapporto d’intesa basata sulla fiducia, la collaborazione e il divertimento. Questa attività ludica vi permetterà di insegnare anche più facilmente gli autocontrolli, il “lascia” e una corretta soddisfazione degli istinti naturali di predazione del cane.
Read More
Read More

Perché dovrei avere un cane addestrato?

Sostanzialmente, risulta fondamentale per ogni cane essere “educato”, cioè avere ben chiari quali siano i comportamenti leciti e non. Nel cane, tutto ciò lo si ottiene con quello che viene riassunto in “gestione delle risorse” come il cibo, il territorio e la socializzazione. Tramite l’addestramento il cane acquisirà conoscenze, abilità e capacità.
Read More